Cybersecurity: una sfida per trasformare un rischio in una opportunità per le PMI

25/05/2017

cyber

Cybersecurity: una sfida per trasformare un rischio in una opportunità per le PMI Un viaggio di esplorazione tra normative, strumenti e nuove tecnologie per trasformare la gestione della sicurezza in un valore competitivo e di sviluppo per le PMI

Le piccole e medie imprese rappresentano il cuore pulsante ed un prezioso humus per la crescita economica, sociale e culturale del Paese. Il Rapporto CERVED 2016, dedicato all’analisi delle piccole e medie imprese italiane (PMI), evidenzia la presenza di 136.114 società, tra le quali 112.378 aziende rientrano nella definizione di ‘piccola impresa’ e 23.736 in quella di ‘media impresa. Queste società, che rappresentano più di un quinto (il 22%) delle imprese che hanno depositato un bilancio valido, hanno occupato 3,8 milioni di addetti ed hanno generato ricavi pari a 852 miliardi di euro, un valore aggiunto di 196 miliardi di euro (pari al 12% del Pil). Tali aziende entrano a pieno titolo nello sviluppo del Mercato Unico Digitale Europeo che costituisce una delle priorità della Commissione Europea con un potenziale di crescita economica equivalente a oltre 415 miliardi di euro e la creazione di centinaia di migliaia di nuovi posti di lavoro. In tal senso la sicurezza e la fiducia risultano essere fattori critici di successo affinché i cittadini, le imprese e le amministrazioni pubbliche possano convertirsi al digitale beneficiando, quindi, a pieno dell’innovazione, della convenienza e delle opportunità offerte dal digitale. Inoltre il mercato globale impone di affrontare al meglio le sfide che la globalizzazione ci offre.

Lo sviluppo in ambito internazionale sta divenendo, infatti, una scelta che anche le PMI stanno considerando come parte integrante della strategia aziendale e si affianca alla necessità di crescita e competitività sul mercato nazionale. La nascita di nuove tecnologie che abilitano la Trasformazione Digitale e l’ Industry 4.0, verso cui un quarto delle PMI intraprenderà percorsi di innovazione nei prossimi 5 anni, richiede una profonda conoscenza delle stesse ed, in taluni casi, una revisione dei modelli di business.

In questo scenario, con indici di complessità ed articolazione sempre crescenti, alla identificazione degli strumenti finanziari si affiancano anche quelli normativi e tecnologici di Cybersecurity che hanno l’obiettivo di salvaguardare il business dell’impresa, la propria reputazione ed i propri clienti, valorizzando la competitività sul mercato. La pervasività dei sistemi informatici, che gestiscono e controllano qualsiasi processo produttivo aziendale, espone qualsiasi azienda, indipendentemente dalle sue dimensioni, al “cyber rischio”. Attacchi mirati, attraverso strategie precise e determinate che vedono l’ utilizzo di vettori umani o tecnologici, potrebbero determinare la sottrazione di informazioni o un’interruzione dell’attività con gravi conseguenze in termini di perdita di profitto.

Il recepimento del Regolamento Europeo sulla protezione dei dati (GDPR) da parte degli Stati UE entro il 2018 ed uno scenario che prevede un forte aumento di “cyber minacce” a livello mondiale, impongono alle aziende la progettazione e la realizzazione di piani sempre più efficienti ed efficaci per garantire la sicurezza delle reti e la protezione dei dati. Il Workshop intende, quindi, fornire alle PMI un quadro di sintesi e di riferimento normativo, tecnologico e di innovazione che consenta alle stesse di impostare un “cruscotto decisionale” utile alla gestione del rischio cyber, funzionale alla protezione del proprio business, contribuendo alla Sicurezza del Sistema Paese ed alla competitività dell’Italia.


PROGRAMMA

9.15 – 9.45 Registrazione Partecipanti
10.00 – 10.30 Inizio lavori
Vanes Montanari
Presidente Sezione Sicurezza Unindustria
Vittoria Carli
Presidente Sezione Information Technology Unindustria
Francesco D’Angelo
Presidente Sezione Comunicazione Unindustria
10.30 – 10.50 Il contesto industriale e delle PMI rispetto al rischio cyber: rischi ed opportunità
Alberto Tripi
Confindustria, delegato Cybersecurity
10.50 – 11.10 Framework Nazionale Sulla Cyber Security – uno strumento a supporto delle PMI
Roberto Baldoni
Research Center of Cyber Intelligence and Information Security dell’Università
La Sapienza di Roma (CIS Sapienza)
11.10 – 11.30 Cybersecurity, information sharing e IA
Gian Domenico Mosco
Direttore di LUISS DREAM (Diritto e Regole per Europa Amministrazione e Mercati),
centro di ricerca istituito dal Dipartimento di Giurisprudenza della Luiss Guido Carli
11.30 – 11.50 Nuove regole, adempimenti e responsabilità, fra Regolamento Privacy e Direttiva NIS
Maurizio Mensi
Scuola nazionale dell’amministrazione e Università Luiss Guido Carli. Responsabile @LawLab Luiss
11.50 – 12.10 Il punto di vista delle Istituzioni
Roberto Sgalla
Prefetto, Direttore Centrale delle Specialità della Polizia di Stato
12.10 – 12.30 Conclusioni e saluti
Leggi l'informativa sulla privacy

© Copyright - AMPIT – Associazione Manager Professionisti Italiani

Log in with your credentials

Forgot your details?